8 Luglio 2010 - Consiglio Comunale.
Il Consiglio Comunale odierno ha affrontato alcuni argomenti generali ed alcuni interrogazioni presentate dal ns. Gruppo Consiliare.

  • abbiamo preso atto delle dimissioni da Consigliere di Piccardo Domenico, che comunque è rimasto Vice-Sindaco. Inoltre, il Sindaco ha comunicato l’ingresso in Giunta di un nuovo Assessore esterno. Il ns. Gruppo consiliare ha espresso preoccupazione per queste decisioni, che sembrano solamente un tentativo di aumentare le poltrone. Inoltre, in un periodo di crisi economica mondiale, un incremento di costi, ancorché minimo, va decisamente in controtendenza con l’esigenza di risparmio da più parti evocata.
  • Il Sindaco ha presentato il programma per la legislatura. Ovviamente abbiamo votato contro poiché ricalca totalmente il programma elettorale della lista di maggioranza e perché non ci sono accenni di attenzione alle ns. proposte.
  • Convenzioni: sono atti dovuti, ma come tali non esiste adeguata forma di controllo. Per manifestare tutte le opinioni del ns. Gruppo consiliare, abbiamo congiuntamente deciso di votare sia a favore (1), sia contro (2), sia astenendosi (1).
  • Nostra interrogazione relativa alla asfaltatura della strada tra Crocefieschi ed Alpe. La risposta (parzialmente soddisfacente) del Sindaco ha informato il Consiglio sulle quote di spesa di Vobbia, ma non ha comunicato date certe per l’inizio dei lavori. Il Sindaco ha comunque assicurato massima attenzione al problema. Attendiamo fiduciosi.
  • Nostra interrogazione relativa al ponte frazione Fabio. Il Sindaco ha assicurato che l’installazione del ponte non provocherà la riduzione delle aree sportive presenti nell’area. La risposta può essere giudicata soddisfacente e sarà ns. preoccupazione verificare che in concreto ciò avvenga.
  • Nostra interrogazione legata ai contatori acqua ed esonero a pagamento per filo d’acqua. La risposta del Sindaco (elencazione degli sconti in essere dal 2000 ad oggi) non ci trova soddisfatti, poiché non vengono indicati i tempi di attivazione dei contatori e non viene annunciata alcuna azione del Comune per evitare pagamenti per il filo d’acqua.